Valuta l'offerta:

Dolga vas presso Lendava, Cimitero israelita

Stampa Aggiungi alla pianificatore di itinerario
Lendava
I monumenti pertinenti alla cultura giudaica in Slovenia sono pochi, perché le autorità austriache nel 1515 scacciarono gli Ebrei dall’allora territorio sloveno. Nei secoli successivi pochi Ebrei vennero a vivere nelle città e nei vicini villaggi. Le comunità maggiori vivevano a Gorizia, Maribor e Lubiana, e quella più numerosa nel Prekmurje. Durante la seconda guerra mondiale il Prekmurje fu occupato dagli ungheresi e dopo l’occupazione nazista dell’Ungheria nel 1944, la stragrande maggioranza degli Ebrei del Prekmurje furono deportati nei campi di sterminio e con ciò alla morte. Sopravissero e tornarono in 65, di cui 18 di Lendava.
 

Al confine settentrionale del villaggio Dolga vas nei pressi di Lendava, sul lato orientale della strada che conduce al valico di confine, si estende l’abbandonato cimitero israelita, uno dei tre cimiteri ebraici, conservati in Slovenia (gli altri due si trovano a Nova Gorica e a Lubiana). Il cimitero conferma una comunità assai numerosa di Ebrei che con lo sviluppo del commercio nella seconda metà del sec. XVIII vi traslocarono dall’interno dell’Ungheria. La comunità israelita del Prekmurje raggiunse l’apice (1107 persone) nel 1889. Il numero dei suoi componenti in seguito calò rapidamente.
 

I cimiteri israeliti del Prekmurje si trovavano a Beltinci (oggi senza alcun monumento), a Murska Sobota (dove è stato sistemato un parco della rimembranza con alcune lapidi funerarie) e a Dolga vas.

Nel 1834 la comunità religiosa ebraica fondò un’associazione cimiteriale e acquistò un terreno a Dolga vas, finendo di pagarlo nel 1890. Fino alla metà della seconda guerra mondiale il cimitero fu curato e mantenuto in ordine. Oggi nel cimitero abbandonato si trovano 176 lastre funerarie di varie dimensioni, di varie epoche e non sempre in ottimo stato di conservazione. Alcune sono state portate qui da Beltinci. Le quaranta lastre più vecchie risalgono alla seconda metà del sec. XIX. Dopo il 1945 in questo cimitero è stata sepolta una sola persona. Nella camera mortuaria ci sono due lastre commemorative, una del 1906, con i nomi dei membri del comitato per la sistemazione del cimitero, e una alla memoria dei morti, precedentemente sepolti nel cimitero di Beltinci. In mezzo al cimitero sorge il monumento alle 387 vittime del genocidio nazista, eretto lì, nel 1947, da quattro deportati sopravvissuti all’olocausto.


 


GPS Northing (N) : 46,5858 
GPS Easting (E) : 16,4501 
Curatore : Turistična zveza Lendava vabi | ++386 2 578 83 90 | | www.lendava-vabi.si... | last modified: 23.05.2006
Vai alla mappa

DOLGA VAS

Vai alla mappa
GPS N: 46,5858
E: 16,4501
Località: DOLGA VAS

Prenota & acquista

X

Cookie

Il sito web usa i cosiddetti cookie per migliorare l’esperienza dell’utente. Visitando e usando il sito web si consente all’uso dei cookie.
Sono d'accordo
Maggiori informazioni