Valuta l'offerta:

Fiume Isonzo (Soča)

Stampa Aggiungi alla pianificatore di itinerario
Indirizzo: Valle dell' Isonzo
www.bovec.si
L'Isonzo è un fiume lungo 136 km che dalla sua sorgente nella Val Trenta scende rapidamente verso l'Adriatico.

Il suo caratteristico colore smeraldo non si cancella interamente neanche quando il fiume è già profondamente in Friuli.
Come se volesse dirci che il suo cuore è tra le montagne, che la sua casa e lì, dove esso si mostra più bello, allegro e puro come i bambini.

Già la sua nascita è burrascosa e pittoresca:
dalle tenebre di una fessura carsica sotto il Velika Dnina l'acqua sgorga limpidissima e poco dopo scende in una cascata di 15 metri (la sorgente è accessibile sul sentiero attrezzato dal rifugio Koča pri Izviru Soče) che si schianta sul ripido terreno e quindi continua il suo scatenato e scosceso viaggio a valle.

Nel suo viaggio l'Isonzo durante i millenni ha perforato ostacoli rocciosi, creando profonde e talvolta così strette gole che ci si può passare sopra saltandole.

Una gola così si vede dalla strada, poco prima del villaggio di Soča (a 10 km da Bovec), quando abbiamo l'impressione che il fiume si sia inabissato tra le rocce.
Si vede benissimo la profondità delle forre dalla passerella che l'attraversa.
È proprio difficile dire cosa ammirare di più:
- il gioco dei colori nella massa d'acqua che attraversa la gola oppure
- gli arabeschi nelle pareti delle forre, levigate pazientemente da elementi naturali.

C'è un'altra gola simile presso Kršovec (subito dopo il villaggio di Kal-Koritnica c'è il cartellone che indica l'ingresso del Parco nazionale del Triglav, qui dirama il sentiero che scende scosceso verso l'alveo del fiume), altrettanto interessante, se non ancora di più, solo un po' più difficilmente accessibile.

Per la gente che vive lungo l'Isonzo questo fiume ha un'importanza simbolica, in qualche parte dell'anima umana ha preso il posto di un eterno monumento;
è simbolo della perfezione naturale, perché dell'Isonzo possiamo misurare la profondità delle sue gole, l'estensioni dei suoi tonfani, possiamo parlare delle sfumature cromatiche e delle innumerevoli rapide e cascate, ma è difficile descriverlo nella sua totalità, perché l'Isonzo non è solo un corso d'acqua ma anche il suo territorio.

Possiamo scrivere che l'Isonzo (il suo nome sloveno è di genere femminile) nella sua parte alpina è bello, immacolato, vergine e perfetto.

Il visitatore deve imparare tutto il resto da solo, in qualsiasi modo e da qualsiasi direzione gli si avvicina.
Sia in kayak, sia cercando di pescare una trota, sia da escursionista ed osservatore;
deve tener sempre presente nella sua coscienza che sta scoprendo un pezzettino della natura che ci è stato consegnato in custodia e che siamo riusciti a conservare quasi com'era nei tempi remoti.
 


individuali
Gratis
GPS Northing (N) : 46,3261 
GPS Easting (E) : 13,5533 
Fotografie
Curatore : LTO Bovec | ++386 5 384 19 19 | | www.bovec.si... | last modified: 29.07.2010

Prenota & acquista

X

Cookie

Il sito web usa i cosiddetti cookie per migliorare l’esperienza dell’utente. Visitando e usando il sito web si consente all’uso dei cookie.
Sono d'accordo
Maggiori informazioni